Il Centro Provinciale Fibrosi Cistica di Rovereto

 

Nell'autunno 2005 la Provincia Autonoma di Trento ha istituito con delibera il Centro Provinciale di Supporto per la cura della fibrosi cistica presso l'U.O. di Pediatria dell'ospedale di Rovereto.

La convenzione fra l'Azienda provinciale per i servizi sanitari di Trento e l'Azienda ospedaliera di Verona ha poi recepito questa situazione organizzativa e ci ha permesso di avere dopo qualche mese una linea dedicata che collega il servizio di supporto di Rovereto con il Centro fibrosi cistica di Verona. Questo consente a tutti gli operatori di lavorare sulla stessa cartella clinica "Camilla" sia da Rovereto che a Verona ed è un potente strumento di condivisione del percorso clinico del Paziente.

Nel corso del 2007 presso il servizio di supporto trentino sono state eseguite 180 visite ambulatoriali, 182 giorni di degenza ordinaria e 32 giorni di degenza in day hospital, 170 spirometrie e sono stati raccolti 150 campioni per le indagini microbiologiche. A questa attività partecipano due medici, una fisioterapista a tempo pieno, una infermiera che coordina le attività del Centro e parzialmente della segreteria, mentre l'organizzazione di reparto supporta tutta l'attività di ricovero.

Un medico riesce a frequentare regolarmente il Centro di Verona ma seppur saltuariamente anche il restante personale partecipa ad incontri e riunioni per   discutere problemi clinici e protocolli diagnostici. Per l'attività del servizio di supporto sono stati coinvolti il laboratorio specialmente per la microbiologia, il Centro antidiabetico, l'U.O. di otorinolaringoiatria soprattutto per la poliposi nasale ed il dipartimento di radiologia che stanno supportando lo sviluppo dell'attività  clinica per i Pazienti con fibrosi cistica.

Nel 2007 è stata costruita, con l'aiuto delle Associazioni, una stanza con anticamera e bagno, per la degenza che si è rivelata particolarmente utile per gli adolescenti e gli adulti. Ora è in costruzione una palestra ambulatorio per l'attività di fisioterapia, attrezzata anche per l'esecuzione dei test da sforzo su tremdil e ciclette.

Le Associazioni dei Pazienti ci hanno aiutato a camminare veloci e ci hanno permesso di disporre di un aiuto prezioso.

Il nostro orizzonte operativo può guardare ora alla comunità scientifica ad assistenziale CF a livello nazionale con la quale ci proponiamo di collaborare e crescere. 

dott. Ermanno Baldo.